itafarzh-CNzh-TWenfrdejaptruesuk

ERNIE E LAPAROCELI: pagina introduttiva

 

ERNIA:  

fuoriuscita di tessuto da una cavità che fisiologicamente lo contiene attraverso un difetto della parete

Si descrive la zona anatomica del difetto parietale, attraverso cui fuoriesce l’ernia, con la seconda parola della definizione:

  • Ernia inguinale, Ernia crurale, Ernia ombelicale, Ernia epigastrica…

Si descrive il contenuto ed il quadro clinico con il terza parola della  definizione:

  • Ernia inguinale semplice, intestinale, complicata, intasata, strozzata…

 

LAPAROCELE:

fuoriuscita di tessuto, prevalentemente intestino, dalla cavità addominale attraverso il cedimento e l’apertura della parete addominale nella sede di pregresso intervento chirurgico.

Condizione troppo comune che interessa circa il 30% dei pazienti sottoposti a chirurgia addominale aperta. Si evidenzia come una tumefazione in relazione alla cicatrice chirurgica; può esordire con una sintomatologia dolorosa addominale alternante o in alcuni casi acuta, tale da richiedere un pronto soccorso e un intervento chirurgico d’urgenza per strozzamento e occlusione intestinale.

 

L'Ernia ed il Laparocele si risolvono in modo definitivo in Mini-Laparoscopia.

 

La soluzione è efficace e stabile nel tempo.

 

L'Obiettivo:   “la Restitutio ad Integrum” anatomica e funzionale della parete sede del difetto con la minima  invasività chirurgica ed anestesiologica possibile.

 

Punti Cardine della Tecnica Chirurgica Mini-Laparoscopica:

 

  • Anestesia Light dedicata, senza intubazione orotracheale
  • 3 micro-incisioni millimetriche, di cui una intra-ombelicale, tutte ricostruite al termine senza punti esterni
  • Mini-Laparoscopia gas-less o a pressione fisiologica 
  • Visione intraoperatoria precisa e magnificata nel dettaglio in 3D, HD, 4K
  • Tecnologia e Strumentazione innovativa e miniaturizzata
  • Riparazione Accurata Personalizzata e Stabile della regione sede di difetto parietale
  • l'impiego della Personale Tecnica Innovativa di“Sutura e Chiusura del Difetto Parietale”e “Ricostruzione dei Piani Anatomici della Regione
  • Impiego di Reti Protesiche di ultima generazione ultra-sottili, completamente assorbibili o semi-assorbibili, la cui applicazione stimola la produzione di collagene e neo-tessuto, implementando la stabilità della ricostruzione parietale nel tempo.
  • Dettagli tecnici specifici dedicati agli sportivi
  • Assenza di tubi di drenaggio e catetere vescicale
  • Risveglio atraumatico dall’anestesia, senza sensazione di nausea o vomito
  • Minimo trauma locale e generale corrisponde a minimo dolore e breve degenza post-operatoria con rapida ripresa delle attività quotidiane, sportive ed agonistiche

 

 Si rimanda alle pagine specifiche la descrizione dettagliata dei singoli argomenti