CONSIGLI DELL'ESPERTO

Studio la Diastasi, le sue complicanze ed implicazioni dal 2006. 

Ho operato con tecnica mini-invasiva LAP-T senza recidive oltre 1000 pazienti con Diastasi dei muscoli retti primitiva e recidiva, insorta a seguito della gravidanza, sport eccessivo, obesità e malattia su base genetica. 

E' la casistica internazionale sulla diastasi in Mini Laparoscopia più numerosa e con i migliori risultati.

Insegno la Tecnica LAP-T nelle Scuole di Alta Chirurgia dedicate a chirurghi già formati sia universitari che ospedalieri

Migliaia sono le visite ed i controlli postoperatori che ho eseguito nel tempo.

In un campo in cui regna purtroppo confusione, scarsa scientificità nell’informazione e improvvisazione professionale, mi sento in dovere di scrivere alcuni consigli che nascono dalla mia pluriennale esperienza in chirurgia mini-invasiva della diastasi addominale.

 

 

 

La Diastasi non è solo un problema estetico:

la parete addominale è un organo con una sua specifica funzione ed anatomia, che vengono perse in presenza di diastasi addominale. La diastasi dei muscoli retti o diastasi addominale è quindi una patologia, in grado di dare sintomi e complicanze.

La diastasi è parte di un quadro più ampio di malattia.

L'aumento di pressione e volume della cavità addominale, conseguente alla gravidanza, all'obesità, allo sport ed all'eccessivo sforzo fisico, determina uno stretching della parete addominale con danno alle strutture muscolari, alle fasce aponeurotiche che avvolgono i muscoli, e può determinare la separazione o diastasi muscolare di due tipi:

1) Diastasi Mediana o Diastasi dei Muscoli Retti:

    separazione dei muscoli retti sulla linea  mediana che rappresenta la  forma più comune.

2) Diastasi Laterale:

   separazione dei muscoli retti dai muscoli obliqui, presente nei casi di danno maggiore.

Si possono associare Lacerazioni muscolari ed Ernie della parete addominale

Lo stretching patologico della parete esita in una distrazione ed assottigliamento dei fasci muscolari con una modificazione della loro attività funzionale.

L'intervento di ricostruzione mini-invasiva della diastasi, sia essa mediana tra i muscoli retti o laterale tra muscoli retti e muscoli obliqui, va quindi sempre integrato con un "programma personalizzato di riabilitazione muscolare della parete addominale". 

Tutte le pazienti dopo la gravidanza devono iniziare la riabilitazione della parete addominale entro tre mesi dal parto.

Purtroppo in oltre 20% delle donne primipare è presente la diastasi postpartum; la percentuale aumenta nella seconda gravidanza, nella gemellare e nelle sportive, casi in cui la riabilitazione non può essere correttamente eseguita a causa  della separazione dei muscoli retti, che non riescono quindi a lavorare in modo fisiologico. In queste pazienti gli esercizi riabilitativi possono determinare un peggioramento della diastasi, soprattutto se sono presenti lacerazioni muscolari.

Risolvere la Diastasi risulta quindi prioritario e propedeutico alla riabilitazione e ad alla restituito ad integrum anatomica funzionale ed estetica della parete addominale.

 

 

    La DIAGNOSI della Diastasi e delle patologie correlate:

  • La diagnosi di diastasi dei muscoli retti  non può essere inizialmente certificata con l’Ecografia. La Risonanza Magnetica e la TC 3D Low Dose hanno un livello di diagnosi più preciso, accurato ed oggettivo nello studio della parete addominale.

  • Valutare il pavimento pelvico è altrettanto importante; nella paziente con diastasi addominale possono concomitare sintomi come disturbi digestiviincontinenza urinaria da sforzo o da urgenza e stipsi fecale. La diagnosi precoce delle disfunzioni o di un iniziale prolasso mono o pluricompartimentale del pavimento pelvico consente, attraverso semplici esercizi di riabilitazione, la regressione del quadro clinico, evitando l'intervento chirurgico.

  • Durante lo studio RM o TC 3D low Dose della parete addominale è possibile estrarre le immagini per la valutazione  della colonna vertebrale. Lo studio si rende frequentemente necessario per la valutazione delle problematiche  conseguenti al cambio posturale che si verifica nei casi di Diastasi dei Muscoli Retti di grado elevato, con conseguente sintomatologia dolorosa.

 

          L’ESERCIZIO FISICO:

  • esercitare i muscoli retti addominali ed eseguire sforzi fisici peggiorano la diastasi.
  • la fisioterapia riabilitativa, con esercizi personalizzati guidati da specialisti e personale esperto, in casi selezionati può stabilizzare la diastasi addominale ed evitarne il peggioramento.

 

                                                                            L’INTERVENTO CHIRURGICO:

L’intervento chirurgico purtroppo è l’unica cura efficace nei casi di:

  • Diastasi con distanza tra i muscoli retti maggiore di 3 centimetri sintomatica
  • Diastasi anche con distanza tra i muscoli retti inferiore ai 3 centimetri se complicata da ernia
  • Diastasi associata a patologia correlata (cambio di postura e dolore alla colonna lombare)
  • Diastasi complicata da Ernia Ombelicale
  • Diastasi complicata da Ernia Epigastrica
  • Diastasi complicata da Ernie multiple della regione mediana.
  • Diastasi associata a Laparocele post-cesareo
  • Diastasi associata a Lacerazione da sforzo della linea alba
  • Diastasi associata a Lacerazione del Muscolo Retto o del Muscolo Obliquo
  • Diastasi Laterale, separazione tra Muscolo Retto e Obliquo
  • Diastasi Recidiva

In presenza di ernia ombelicale e diastasi dei retti, l’ernia ombelicale rappresenta la complicanza della diastasi. La sola correzione dell’ernia ombelicale può risultare altamente fallimentare.

 

OBIETTIVI DELL’INTERVENTO:

l’intervento ricostruttivo deve ripristinare anatomia, la funzione e l'estetica alla parete addominale, percorrendo strade chirurgiche il più possibile mini-invasive a cui corrispondano anestesie più leggere e meno gravose per l’organismo.

La cura della diastasi, nelle sue diverse forme, va perseguita infatti con l'obiettivo del:

- massimo risultato anatomico-funzionale-estetico

- la minima invasività chirurgica ed anestesiologica scientificamente possibile 

- la stabilita' nel tempo.

L'intervento va fatto una sola volta e bene

 

Si consiglia di non ritardare la decisione di sottoporsi all'intervento chirurgico.

Il tempo e l'attesa sono variabili negative che comportano:

- l'aumento progressivo della distanza tra i muscoli retti ed il peggioramento della diastasi

- la defunzionalizzazione dei muscoli retti con riduzione del tono e dello spessore muscolare

- l'aumento della distensione addominale ed un addome globoso che può simulare una gravidanza, maggiormente la sera 

- la defunzionalizzazione muscolare e l'addome globoso evolvono nel tempo verso il floppy wall  ossia "parete addominale molle"  con muscoli di minimo spessore, scarso tono ed incapacità di contrazione

In tutti questi casi il programma post-operatorio di riabilitazione della parete addominale sarà più prolungato, al fine di normalizzare il tono e spessore dei muscoli retti e dei muscoli obliqui. 

 

 Infine alcuni Alert che mi sento in dovere di scrivere per creare chiarezza nel campo della diastasi addominale e 

che possano essere di aiuto alle persone che purtroppo sono portatrici di questa patologia:

 

  1. Il rapporto medico-paziente è un elemento imprescindibile nel programma di cura
  2. Valutate il Curriculum del Chirurgo, diffidate di chi non lo pubblica e dell'Inesperienza 
  3. Attenzione alle Competenze Professionali Autoreferenziate, non maturate e consolidate nel tempo, non Scientificamente Certificate e Riconosciute nel settore specifico della diastasi dei muscoli retti e nella chirurgia mini-invasiva della parete addominale.
  4. E' preferibile affidarsi a professionisti che:  1) vi considerano innanzitutto una persona da curare e non solo una patologia da operare, 2) vi consiglino su ciò che è giusto fare e non vi propongano solo ciò che sanno fare o vi sconsiglino ciò che non sanno fare
  5. Nella chirurgia della diastasi l’obiettivo è realizzare la più sicura e stabile ricostruzione della parete addominale con la minore invasività chirurgica ed anestesiologica scientificamente possibile
  6. La ricostruzione deve avere caratteristiche che personalizzino l’intervento in relazione allo specifico caso clinico, con:                  

        - tecniche di sutura muscolo-aponeurotiche che rispettino nel dettaglio le caratteristiche della  diastasi, con restitutio    ad  integrum anatomica - funzionale - estetica

       - Il materiale di sutura e la rete impiantata va selezionata in relazione alla patologia da trattare ed alle caratteristiche del pazienti

        - obiettivo e' di lasciare la minore quantità possibile dimaterale di sutura e protesico permanente 

        - includere nel programma dettagli di soddisfazione estetica con una equipe chirurgica multidisciplinare

        - la riabilitazione funzionale della parete addominale e' un elemento imprescindibile

 

                                                            L’intervento va fatto una sola volta e bene.

La filosofia della chirurgia mini-invasiva, in tutte le caratteristiche e nei dettagli specifici - accurati - dedicati della Tecnica LAP-T, si riassume in un solo concetto:

il profondo rispetto per il paziente e la persona

                                                                                                                                     Prof Giuseppe Pozzi

 

  • dal 2011 Docente in Chirurgia Laparoscopica della Diastasi dei Muscoli Retti, Laparocele ed  Ernie addominali della Scuola ACOI, Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani
  • dal 2013 Docente in Chirurgia della Diastasi dei Muscoli Retti presso la Scuola Europea EHS, European Hernia Society ed ISHAW Italian Society of Hernia and Abdominal Wall Reconstruction
  • Massimo Esperto Nazionale sul trattamento della Diastasi dei Muscoli Retti con Tecniche Chirurgiche Mini-Invasive
  • Opinion Leader Internazionale in Chirurgia Mini-Invasiva della Parete Addominale.
  • Autore della più ampia casistica operatoria internazionale sulla ricostruzione minilaparoscopica della Diastasi dei Retti
  • dal 2012 Responsabile del Centro Nazionale di Tirocinio ACOI - Roma in Chirurgia Laparoscopica e Mini-Invasiva Avanzate della Parete Addominale per il trattamento della Diastasi dei Muscoli Retti, Ernie e Laparoceli, dedicata a Chirurghi esperti.
  • dal 2018 Tutor e Responsabile del Percorso Chirurgico Formativo di Secondo Livello, dedicato a Chirurghi esperti della Scuola Europea di Chirurgia dell’Ernia e dei Difetti della Parete Addominale ISHAWS-EHS.
  • dal 2019 Responsabile del Centro Nazionale di Tirocinio SIC - Roma in Chirurgia Laparoscopica e Mini-Invasiva Avanzate della Parete Addominale per il trattamento della Diastasi dei Muscoli Retti, Ernie e Laparoceli, dedicata a Chirurghi esperti.
  • dal 2020 Responsabile di Centro Nazionale di Formazione e Tirocinio ISHAWS - Romadedicata a Chirurghi esperti dell'Italian Society of Hernia and Abdominal Wall Surgery ed European Hernia Society EHS

 

  Per:

- la risoluzione di ulteriori dubbi relativi al vostro caso clinico

- una Second Opinion per discutere sulla migliore opzione terapeutica sulla vostra patologia

- la soluzione definitiva per i casi di diastasi recidiva

  non esitate a contattarci via email o telefonicamente, saremo lieti di aiutarvi.

 

CONTATTI

 

Studio: - Clinica Quisisana, via Gian Giacomo Porro 5, Roma Italia
            - Clinica La Madonnina, via Quadronno 29, Milano Italia 
 
Segreteria per appuntamenti: +39 391 3764200.         
Contatto Diretto: +39 337 794208
 
Email: - Pazienti Italiani  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  - International Patients  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.m

  Segreteria Scientifica per Docenze, Corsi, Tutoring Chirurgico, Congressi -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Who Is Online

19
Online

20 Giugno 2021

Visitors

Today862
Yesterday2299
This week14901
This month44449
Total1302443

20 Giugno 2021
itafarzh-CNzh-TWenfrdejaptruesuk

Questo sito utilizza cookies. La navigazione al suo interno o cliccando su "Chiudi" implica l'accettazione al loro utilizzo.